Home  >  Sony Playstation 2  >  The Suffering  >  Recensione
Condividi su Facebook

The Suffering

Sony Playstation 2 Genere: Action Adventure
Distributore: Leader
Anno: 2004
Prezzo: € 59,9

  • Piattaforme Sony Playstation 2 - The Suffering XBox - The Suffering PC Windows - The Suffering 
  • Data di uscita n.d.
  • Prezzo € 59,9
  • LinguaSì, completa in italiano
  • Anno 2004
  • Supporto On-Linen.d.
  • Multiplayern.d.
  • Distributore Leader
  • Produttore Surreal Software/Midway
  • Valutazione PEGI adatto a 17+
Share |
I nostri voti:
Giocabilità giocabilità The Suffering Sony Playstation 2 89
Durata durata The Suffering Sony Playstation 2 90
Audio The Suffering Sony Playstation 2 90
Video video The Suffering Sony Playstation 2 94
Confezione The Suffering Sony Playstation 2 89
TOTALE: OTTIMO  90


di Camillo Morganti - 19/06/2004

Essere condannati al carcere a vita per omicidio è già di per sé un'esperienza abbastanza brutta, specie se l'istituto di correzione cui si viene destinati è uno di quelli di massima sicurezza, popolati da una fauna particolarmente feroce e aggressiva (gente che - per intenderci - di solito organizza comitati di accoglienza particolarmente "calorosi" ai nuovi arrivati), ma se poi ci aggiungete anche il fatto che, come vi ci trovate rinchiusi, un bel branco di mostri, sbucati dal nulla, inizia a sbudellare qualsiasi malcapitato capiti loro a tiro, beh!… allora il vostro elenco delle priorità potrebbe anche subire dei mutamenti. In pratica: non dovrete più curarvi del vostro morale, o della convivenza con il prossimo, ma semplicemente di sopravvivere, almeno fino al prossimo angolo buio di corridoio… Questo, in sintesi, l'antefatto di "The Suffering", survival horror occidentale (sviluppato da casa Midway), che si sforza di essere originale e di reggere il confronto con i campioni d'incasso nipponici. Il tentativo, per altro, riesce egregiamente, soprattutto perché gli sviluppatori non hanno badato a spese, coinvolgendo niente meno che Stan Winston, nome che forse al grande pubblico non risulterà notissimo, ma che è comunque quello di un signore che ha vinto 4 volte l'oscar per gli effetti speciali (rispettivamente per: Aliens, Terminator 2, Batman il ritorno e Jurassic Park) e che - tra l'altro - ha collaborato con registi del calibro di Tim Burton, Steven Spielberg e James Cameron (mica cotiche!). Il campionario di fenomeni da baraccone che daranno la caccia al carcerato protagonista (al secolo Torque) è per l'appunto parto della fantasia (malata) di Winston, e ce n'è davvero per tutti i gusti: umanoidi con lame al posto di mani e piedi, creature deformi con siringhe piene di fluido radioattivo al posto degli occhi, esseri fatti di fuoco… Ma non è finita qui, perché il protagonista è infatti dotato di altre due singolari caratteristiche: in primo luogo ha delle percezioni, che riguardano sia il futuro che il passato (quando qualcosa di brutto sta per accadere, o è appena successo), in secondo luogo può trasformarsi a sua volta in un mostro potentissimo (per periodi di tempo limitati). Per scoprire cosa sia davvero successo, comunque, il giocatore dovrà passare 9 tesissimi livelli (equamente distribuiti tra ambienti interni ed esterni) e la cosa bella è che il finale non è univoco, a seconda degli eventi innescati dall'utente si potranno avere tre conclusioni diverse, il che - tra l'altro - comporta un buon aumento di longevità. Tecnicamente il titolo si attesta su ottimi livelli, particolarmente buoni sono gli effetti di luce dinamica (che hanno grande responsabilità nella creazione dell'atmosfera giusta), le distorsioni percettive, le transizioni e il fumo, ben disegnati i modelli dei personaggi; la difficoltà è tutto sommato equilibrata, anche se alcuni passaggi possono anche risultare un tantinello ostici ai giocatori meno scafati. Un bel gioco, insomma, che si sconsiglia tuttavia di far giocare ai più piccini, visto l'elevatissimo tasso di violenza e di "gore" (cioè sangue e budella che schizzano fuori da tutte le parti) e la scabrosità di molte situazioni. Raccomandato ai fan dei film horror e a chi, vedendo "Dal tramonto all'alba" di Quentin Tarantino, si è divertito un mondo.

Pro

Grande grafica; atmosfera inquietante, ideale per i fan dei film dell'orrore; tre finali distinti.

Contro

Il numero di mostri è limitato e i nemici non brillano per livello di intelligenza artificiale. I giocatori più esperti possono trovarlo forse un po' corto (ci sono però 3 finali diversi!).

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!