Home  >  PC Windows  >  StarCraft II: Wings of Liberty  >  Anteprima
Condividi su Facebook

StarCraft II: Wings of Liberty

PC Windows Titolo Originale: StarCraft II: Wings of Liberty
Genere: Strategico
Distributore: Sierra
Anno: 2008

  • Piattaforme PC Windows - StarCraft II Wings of Liberty 
  • Data di uscita da definirsi
  • Prezzo n.d.
  • Linguacompletamente in italiano
  • Anno 2008
  • Supporto On-LineSi
  • MultiplayerSi
  • Distributore Sierra
  • Produttore Blizzard
  • Valutazione PEGI n.d.
Share |

17/12/2008

E così Blizzard ci riprova: dopo aver lasciato l'amaro in bocca a tutti i fan, con l'annullamento dell'uscita di Ghost (su cui pure l'azienda aveva investito un bel mucchietto di soldini), rispolvera il franchise Starcraft e si prepara a pubblicarne un seguito.

Da quanto si è visto sinora, rispetto al primo capitolo (uscito nel 1998) e alla relativa espansione, le cose non sembrano cambiate drasticamente, il che - beninteso - è un bene: i vecchi giocatori, infatti, si troveranno subito con i comandi e l'ambientazione, mentre i nuovi potranno comunque beneficiare di un sistema ampiamente collaudato e facile da padroneggiare.

Tramontata l'ipotesi di un action/adventure/sparatutto siamo dunque ancora al genere strategico in tempo reale e siamo ancora alle tre razze del titolo originale: i terrestri (marines spaziali, per lo più), gli insettoidi Zerg e i sinistri Protoss, dotati di devastanti capacità psioniche.

Quindi l'impostazione è: tecnologia contro evoluzione contro moltitudine organica.

Ciò che invece è sensibilmente mutato, rispetto all'originale è il motore grafico, visto che tra Starcraft e Starcraft II ci sarà la stessa differenza che si è già registrata tra Warcraft e Warcraft II (d'altronde il motore dovrebbe essere lo stesso, riveduto e corretto) e, soprattutto, una bella pletora di unità, costruzioni e caratteristiche nuove.

Da segnalare in particolare il fatto che ora tutte le razze dispongano di un'unità di livello "titanico": i terrestri, per esempio, hanno dalla loro un mega-robot denominato Thor, in grado di sferrare addirittura super-attacchi di artiglieria da enorme distanza, i Protoss dispongono invece di un'astronave madre, gli Zerg ancora non si sa, ma di sicuro avranno una qualche sorta di mega-schifezzona entomologica (e, vista la somiglianza alle ambientazioni e alle unità di Warhammer 40k, non ci meraviglieremmo se si trattasse di qualcosa di simile allo Ierodulo Tiranide).

Oltre a questo, il terreno, cioè le diverse porzioni della mappa sono in grado ora di garantire bonus alle costruzioni che vi vengono edificate sopra ed esistono una serie di migliorie, come il reattore, o il laboratorio scientifico (per i terrestri), che sono studiate per garantire dei bonus e ampliare le capacità costruttive, quando invece mancano spazi o risorse per nuovi edifici.

La modalità single-player sarà molto vasta, garantisce Blizzard e, visti i trascorsi dell'azienda britannica c'è da fidarsi, ma la longevità del prodotto è destinata a essere considerevolmente allungata dall'immancabile multiplayer su Battle.net, che tra l'altro dovrebbe riservare un paio di piacevoli sorprese anche agli utenti ormai più smaliziati.

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!