Home  >  PC Windows  >  S.T.A.L.K.E.R.: Shadow of Chernobyl  >  Anteprima
Condividi su Facebook

S.T.A.L.K.E.R.: Shadow of Chernobyl

PC Windows Genere: Sparatutto
Distributore: Halifax
Anno: 2004
Prezzo: € 49,9

  • Piattaforme PC Windows - S T A L K E R Shadow of Chernobyl 
  • Data di uscita n.d.
  • Prezzo € 49,9
  • LinguaCompletamente in italiano
  • Anno 2004
  • Supporto On-LineSi
  • MultiplayerSi
  • Distributore Halifax
  • Produttore GSC Game World/THQ
  • Valutazione PEGI adatto a 16+
  • Requisiti Hardware n.d.
Share |

19/03/2007

Aprile 2006: a vent'anni di distanza dal primo disastro nucleare, Chernobyl è sconvolta da una nuova catastrofe, questa volta di proporzioni bibliche. Un'intera area di 30 chilometri quadrati viene devsatata, quasi spazzata via. Passano 6 anni e le prime spedizioni scientifiche iniziano a viaggiare attraverso quella che nel frattempo è stata ribattezzata la "zona"; gli scienziati, però, non sono gli unici ad esplorare l'area contaminata: ci sono anche gli Stalker, sorta di mercenari, ingaggiati per recuperare preziosi artefatti, da rivendere poi sul mercato nero. Chiaro che la vita dello Stalker non è tutta rosa e fiori: anzitutto, non essendo autorizzato a introdursi nella zona, viene considerato un volgare ladro, ragion per cui se i militari lo intercettano sparano a vista; secondariamente, la zona in sé è piena di pericoli, da quelli ambientali (campi magnetici, sabbie mobili, edifici pericolanti…) a quelli semoventi, ovverosia i cosiddetti mutanti; da ultimo, poi, bisogna considerare il fatto che, essendo quello dello Stalker un mestiere che rende bene (ammesso che si riesca a sopravvivere, naturalmente!), la concorrenza è spietata - in tutti i sensi. Questo lo sfondo narrativo di uno dei più belli sparatutto che vedranno la luce nel 2005, destinato a dare parecchio filo da torcere a titoli molto più blasonati come Doom 3 o Half-Life 2. In effetti, vedendo anche solo qualche schermata di S.T.A.L.K.E.R. si ha la netta impressione che i due prodotti, rispettivamente di ID Software e Valve, siano arrivati tardi, che lo sviluppo sia stato troppo lungo. Il motore grafico di S.T.A.L.K.E.R. è in grado di macinare 100mila poligoni a 60 frame al secondo, vanta un realismo fisico impressionante (l'effetto "rag-doll" è ormai scontato) e gestisce un'infinità di variabili: dall'ecosistema "mutato" (che va avanti indipendentemente dal giocatore), fino alle condizioni meteo, che variano sia nell'alternarsi di giorno e di notte, che in quello tra bello e cattivo tempo. La cosa più impressionante di S.T.A.L.K.E.R., però, è la libertà d'azione, che incide non poco sul realismo del titolo: sono stati riprodotti ben 30 chilometri quadrati di terreni da esplorare, pieni di esseri pensanti che interagiranno con voi anche in base a come vi comportate; per esempio: non tutti i vostri colleghi Stalker vi saranno ostili, se però vi siete fatti la fama di tagliagole… beh! State pur certi che sarete ripagati con la stessa moneta. Questa libertà d'azione si riflette anche nel fatto che i finali sono aperti: ce ne sono 8 differenti, a seconda di come vi sarete comportati nel corso delle varie missioni. L'arsenale, come in ogni sparatutto che si rispetti, è ottimo e abbondante: 30 tipi di armi, da quelle più tradizionali (pistole, lanciamissili e mitragliatori), a quelle più futuribili (gravitazionali e psicocinetiche). Completa il quadro un ottimo multiplayer, per un massimo di 32 giocatori; da segnalare che - anche in questo caso - le armi di cui il giocatore disporrà dovranno essere acquistate; i crediti corrisponderanno alle uccisioni.

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!