Home  >  PC Windows  >  Rise of Nations: Throne and Patriots  >  Recensione
Condividi su Facebook

Rise of Nations: Throne and Patriots

PC Windows Genere: Strategico
Distributore: Microsoft Italia
Anno: 2004
Prezzo: € 29

  • Piattaforme PC Windows - Rise of Nations Throne and Patriots 
  • Data di uscita n.d.
  • Prezzo € 29
  • Linguan.d.
  • Anno 2004
  • Supporto On-LineSi
  • MultiplayerSi
  • Distributore Microsoft Italia
  • Produttore Big Huge Games
  • Valutazione PEGI adatto a TUTTI
  • Requisiti Hardware P 500 MHZ; 750 MB di spazio su HD; 128 MB di RAM; Scheda Video con 16 MB di VRAM; Scheda Audio Windows compatibile; lettore CD-ROM 4X; per le schede video supportate v.: www.riseofnations.com. Per il gioco online: connessione modem 56k o superiore.
Share |
I nostri voti:
Giocabilità giocabilità Rise of Nations Throne and Patriots PC Windows 91
Durata durata Rise of Nations Throne and Patriots PC Windows 92
Audio Rise of Nations Throne and Patriots PC Windows 88
Video video Rise of Nations Throne and Patriots PC Windows 92
Confezione Rise of Nations Throne and Patriots PC Windows 85
TOTALE: OTTIMO  90


di Donato Faretta - 14/06/2004

A distanza di un anno le nazioni tornano a darsi battaglia nelle nuove campagne single-player e negli scontri online contro altri leader umani sparsi per il globo, grazie a "Thrones and Patriots", data disk per il famoso Rise of the Nations. Il claim del titolo originale recitava: "Civilization incontra Age of Empires" e questo data-disk va ancora di più in quella direzione, a beneficio di chi non abbia mai sentito parlare di Rise of the Nations ricordiamo che si tratta di uno strategico in tempo reale di pregevole fattura grafica, nel quale, attraverso 6mila anni di storia, dovremo far progredire tecnologicamente la nostra civiltà ed espandere i confini del nostro impero. Inutile dire che gli altri aspiranti "imperatori" cercheranno di fare lo stesso e perciò contrasteranno i nostri piani. Cosa offre il nuovo data-disk? Sei nuove nazioni giocabili: Americani, Olandesi, Irochesi, Lakota, Persiani e Indiani che si vanno ad aggiungere alle 18 già esistenti. Tre nuove meraviglie del Mondo da edificare e un totale di 20 nuove unità, inoltre un nuovo sistema di governi, che si integra perfettamente nel complesso sistema di gioco e - dulcis in fundo - quattro nuove campagne single-player per conquistare il mondo conosciuto alla testa delle falangi di Alessandro Magno, oppure l'Europa nelle campagne napoleoniche, o, ancora, il "Nuovo Mondo", o per cimentarsi nella Guerra Fredda. Nelle campagne di Alessandro e Napoleone, il limitato numero di tempo o turni a disposizione ci costringerà a scelte ben meditate, nella campagna del Nuovo Mondo, oltre a cambiare il teatro delle operazioni, potremo giocare nei panni degli indiani d'america, delle potenze europee e degli americani, per il dominio sulle Americhe. Infine la guerra fredda: qui si potrà scegliere per quale delle due fazioni (Nato o patto di Varsavia) combattere battaglie sull'intero globo, con la costante minaccia delle armi nucleari. Nel corso delle campagne verremo chiamati a decidere sul da farsi, e le nostre scelte avranno ovviamente ripercussioni sia sulle battaglie che sull'evolversi della campagna, ad esempio nella campagna di Alessandro ci sarà chiesto se conquistare o radere al suolo Atene, in base alle nostre azioni i nemici potrebbero diminuire o aumentare. Ci saranno anche eventi storici come ad esempio la crisi di Cuba nella campagna della Guerra Fredda e le varie battaglie che saranno un po' più variegate del semplice "costruisci e conquista" come ad esempio la difesa di un territorio usando una tattica di guerriglia (unità limitate), o uno scenario in cui si useranno solo le spie. Il sistema di governo consente alla propria nazione di cambiare forma politica, in base al tipo di quest'ultima avremo bonus o svantaggi nei vari campi, il governo è utilizzabile costruendo una sede che, di fatto, renderà capitale la città nei cui pressi viene costruita, infine da questa struttura emerge un leader con abilità speciali (differenti in base al tipo di governo scelto). Tutte queste novità si potranno utilizzare ovviamente anche nelle partite multiplayer, che si possono giocare online fino a un massimo di 8 giocatori, su poderose mappe create casualmente con parametri a scelta, o create da noi grazie all'ottimo editor di mappe. Nonostante l'inserimento sul campo di battaglia di nuove miniature da portare in battaglia, la grafica non si discosta da quella del suo predecessore, qualitativamente valida e ben definita e con un buon numero di unità in movimento su schermo. Il piatto forte di questo data disk, comunque, rimangono indubitabilmente le nuove campagne single-player, che faranno trascorrere ore e ore di divertimento ai fan di Rise of Nations.

Pro

Buona grafica. L'ibrido tra Civilization e Age of Empires funziona. Le nuove campagne sono ben fatte.

Contro

Più elementi non avrebbero guastato.

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!