Home  >  Nintendo Game Cube  >  Prince of Persia: Spirito Guerriero  >  Recensione
Condividi su Facebook

Prince of Persia: Spirito Guerriero

Nintendo Game Cube Genere: Action Adventure
Distributore: Ubisoft
Anno: 2004
Prezzo: € 59,95

  • Piattaforme Nintendo Game Cube - Prince of Persia Spirito Guerriero PC Windows - Prince of Persia Spirito Guerriero Sony Playstation 2 - Prince of Persia Spirito Guerriero XBox - Prince of Persia Spirito Guerriero 
  • Data di uscita n.d.
  • Prezzo € 59,95
  • LinguaCompletamente in italiano
  • Anno 2004
  • Supporto On-Linen.d.
  • Multiplayern.d.
  • Distributore Ubisoft
  • Produttore Ubisoft
  • Valutazione PEGI adatto a 17+
Share |
I nostri voti:
Giocabilità giocabilità Prince of Persia Spirito Guerriero Nintendo Game Cube 78
Durata durata Prince of Persia Spirito Guerriero Nintendo Game Cube 92
Audio Prince of Persia Spirito Guerriero Nintendo Game Cube 92
Video video Prince of Persia Spirito Guerriero Nintendo Game Cube 90
Confezione Prince of Persia Spirito Guerriero Nintendo Game Cube 80
TOTALE: BUONO  86


di Camillo Morganti - 03/12/2004

Le cose si sono messe davvero male per il povero principe di Persia: al termine della sua ultima avventura narrata ne "Le Sabbie del Tempo", il principe aveva liberato i magici granelli attirando così su di sé una terribile maledizione e, insieme a essa, una ineluttabile condanna a morte. Adesso infatti il Dahaka, una creatura demoniaca che sorveglia la regolarità del flusso del tempo gli dà una caccia spietata e lo perseguita perfino nei rari momenti in cui riesce a godersi un po' di sonno ristoratore. Angosciato da questa situazione e preferendo morire con la spada in mano, piuttosto che nel suo letto, il principe decide di affrontare un'avventura disperata: andare sull'isola dell'imperatrice del tempo e da lì, sfruttando i portali temporali presenti nel palazzo di quella, tornare nel passato per impedire la creazione delle mitiche sabbie. Il sillogismo è: niente sabbie del tempo, niente maledizione; niente maledizione, niente Dahaka. Come direbbe un noto personaggio dei fumetti, però, tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il". L'imperatrice del tempo non è infatti minimamente disposta a tollerare l'intrusione del principe nel suo regno e come prima cosa gli affonda la nave, uccidendone tutto l'equipaggio, naufragato comunque, da solo e disarmato, sull'isola verso cui era salpato, il principe si trova ad affrontare mille insidie e mille mostri, prima di poter raggiungere il suo obbiettivo… Questa in sintesi la trama dell'ultimo opus magnum di casa Ubisoft, come si può capire anche dalla storia, in questo seguito l'atmosfera si è fatta decisamente più dark e ciò si traduce anche in un nuovo sistema di combattimento, molto più cruento (e che include numerose fatality) e complesso, che ha tra l'altro causato l'innalzamento dell'età consigliata per l'acquisto del gioco (da 7 a 16 anni!). Tralasciando però queste argomentazioni "da bacchettoni" - pur essendo un po' più adulto del predecessore, il titolo non è infatti, né particolarmente violento, né particolarmente scandaloso - risulta chiaro che in Ubisoft hanno deciso di cambiare anche pubblico, oltre che atmosfera, provando a modificare cose che prima non avevano dato i risultati sperati. In effetti adesso il Principe può compiere una miriade di azioni in più, ma la conseguenza è anche che i comandi sono diventati molto più numerosi e complessi e non sempre rispondono con la precisione e la velocità di prima (specialmente le combo difensive, purtroppo!). Tra l'altro la fase iniziale, che prende il posto del tutorial, non è realizzata benissimo e non spiega correttamente tutte le mosse che il principe può effettuare, regalando così già un bel po' di frustrazione all'inizio, quando il protagonista si trova a dover affrontare la letale Shahdee, che è in grado di bloccare tutte le combo mostrate fino a quel momento; a complicare il tutto c'è il solito sistema di salvataggio a "punti intermedi" che fa un po' spazientire. A parte questi difetti, comunque, il gioco regge bene: gli scenari sono molto belli, i nemici sufficientemente vari e gli enigmi da risolvere sono della giusta difficoltà (tranne in alcuni livelli, in cui non è così semplice orientarsi). Risulta molto interessante, tra l'altro, il fatto che, grazie ai viaggi attraverso i portali del tempo - come già in "Zelda: Ocarina of Time" e "Onimusha 3: Demon Siege" - si debbano visitare gli stessi scenari prima nel presente e poi nel passato. Nel complesso la longevità è più che buona, visto anche il livello di difficoltà e il fatto che su Xbox sia previsto anche il supporto Xbox Live (anche se non per un multiplayer effettivo, ma solo per registrare i risultati delle due modalità competitive presenti). Grafica e audio sono di elevata qualità, particolarmente la colonna sonora metal, realizzata dai colossi del genere Godsmack e perfettamente in linea con il nuovo look dark del principe.

Pro

Grafica e audio ottimi; buona longevità; armi (una sessantina in tutto) e avversari vari e numerosi; livelli ed enigmi ben congegnati; possibilità di passare alla visuale in prima persona quando si è fermi.

Contro

Livello di difficoltà a volte eccessivo e frustrante; meccanismo di salvataggio; i comandi sono troppi e non sempre rispondono come dovrebbero; alcune combo sono esteticamente belle, ma del tutto inefficaci.

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!