Home  >  Nintendo Wii  >  Ju-On: Rancore  >  Recensione
Condividi su Facebook

Ju-On: Rancore

Nintendo Wii Titolo Originale: Ju-On: The Grudge
Genere: Simulazione Survival Horror
Distributore: DDE
Anno: 2009
Prezzo: € 39,9

  • Piattaforme Nintendo Wii - Ju On Rancore 
  • Data di uscita ottobre 2009
  • Prezzo € 39,9
  • LinguaCompletamente in italiano
  • Anno 2009
  • Supporto On-Linen.d.
  • Multiplayern.d.
  • Distributore DDE
  • Produttore Rising Star Games
  • Valutazione PEGI adatto a 16+
Share |
I nostri voti:
Giocabilità giocabilità Ju On Rancore Nintendo Wii 90
Durata durata Ju On Rancore Nintendo Wii 65
Audio Ju On Rancore Nintendo Wii 95
Video video Ju On Rancore Nintendo Wii 85
Confezione Ju On Rancore Nintendo Wii 85
TOTALE: DISCRETO  84


di Camillo Morganti - 16/11/2009

Non ho problemi ad ammetterlo: a me The Grudge ha fatto paura, molto più di The Ring o altri titoli analoghi. Certo, non ci ho perso nemmeno dieci minuti di sonno e in generale sono abituato alle atmosfere da film horror, tuttavia, per un po' di tempo, dopo aver visto la pellicola, un brivido mi correva lungo la schiena quando mi trovavo da solo in luoghi sconosciuti, specie se al calar della sera. L'aspettativa, allora, era di sentir echeggiare il famigliare gorgoglio e di vedere una massa di capelli lungi e scarmigliati protrudere dalle tenebre, mentre una figura femminile poco distinguibile strisciava in modo scomposto verso di me...

Se anche a voi quelle atmosfere sono piaciute, pur nel leggero disagio da cui sono state accompagnate, allora questo gioco non mancherà di piacervi, visto che ciò che fa meglio è proprio farvi rivivere quelle esperienze in prima persona.

A beneficio di coloro che non sappiano nulla del film, invece, diciamo che Ju-On è un termine giapponese che indica una maledizione generata da una morte violenta.

In generale i fantasmi giapponesi fanno molta più paura di quelli occidentali e, nel caso specifico, un Ju-On (letteralmente: "rancore") colpisce tutti coloro che, anche solo per puro caso, passino per il luogo in cui si è consumata la tragedia, anche se non c'entrano nulla con la morte di colui o colei che poi diviene fantasma.

In questo titolo, la cui trama non ricalca quella del film, un ragazzo insegue il proprio cane all'interno di una fabbrica abbandonata e finisce per attirare le ire del fantasma.

Per salvarsi dovrà raccogliere una serie di chiavi e sfuggire a una serie di attacchi da parte degli spiriti.

La storia è suddivisa in cinque capitoli e ad ogni capitolo cambia il protagonista, visto che, oltre al bambino, entrano poi anche i suoi parenti a cercarlo.

La visuale è in soggettiva e controllata dai movimenti del Wiimote, invero non sempre impeccabili; in mano vi troverete presto una torcia elettrica, che, progressivamente si andrà a scaricare, ragion per cui è vitale trovare nuove batterie.

Non preoccupatevi, però, perché trovare batterie e chiavi (il secondo elemento che vi serve per procedere nel gioco) è tutto tranne che difficile, visto che brillano al buio.

In effetti questo, unito al fatto che non ci sono veri e propri puzzle ambientali, fa sì che il gioco risulti alla lunga un po' monotono e in alcuni punti eccessivamente semplice. Rimane il fatto che non avrete molto tempo di annoiarvi, visto che il single-player durerà un paio d'ore di gioco effettivo (tre volte tanto, contando interruzioni e morti premature).

Ho detto single-player, perché in realtà ci sarebbe anche un multiplayer, ma è un'opzione appena abbozzata, visto che tutto ciò che può fare il secondo giocatore è premere un pulsante "Panico", per scatenare eventi casuali che, in teoria, dovrebbero spaventare il giocatore principale.

Per i più duri c'è anche una modalità "test di coraggio", che in pratica è una versione hardcore del gioco, visto che in questo caso non sono previsti salvataggi e non troverete nessun oggetto speciale.

Nel complesso ciò che riesce meglio, al titolo, è creare l'atmosfera e, se siete particolarmente impressionabili, vi farà fare anche qualche salto; il comparto audio è di gran lunga la parte più pregevole. Sul fronte gameplay, invece c' ancora qualcosa da migliorare, soprattutto sul versante longevità. Un buon esordio, comunque, tutto considerato.

Pro

Il titolo fa un ottimo lavoro nel riprodurre le atmosfere del film; musica superlativa, sonoro in generale di qualità filmica; livello di difficoltà adatto anche ai principianti.

Contro

Poco longevo (un paio d'ore di gioco in tutto); opzione multiplayer risibile; gameplay ripetitivo, che avrebbe potuto essere arricchito se fossero stati inseriti i puzzle tipici di un survival horror vero e proprio. Storia lasciata un po' in sospeso.

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!