Home  >  Sony Playstation 3  >  Haze  >  Anteprima
Condividi su Facebook

Haze

Sony Playstation 3 Titolo Originale: Haze
Genere: Sparatutto
Distributore: Ubisoft
Anno: 2007

  • Piattaforme Sony Playstation 3 - Haze Xbox 360 - Haze 
  • Data di uscita 23/11/2007
  • Prezzo n.d.
  • LinguaCompletamente in italiano
  • Anno 2007
  • Supporto On-LineSi
  • MultiplayerSi
  • Distributore Ubisoft
  • Produttore Free Radical Design
  • Valutazione PEGI adatto a 18+
Share |

10/08/2007

I Free Radical, autori per Ubisoft di alcuni dei più bei giochi visti ultimamente sul mercato videoludico, tornano sulla scena con un nuovo sparatutto, che, pur non cambiando le regole del genere, né innovandolo più di tanto, promette di essere un successo, perché quello che fa, lo fa estremamente bene e soprattutto perché la trama è divertente e le dinamiche di gioco sembrano essere un mix tra: Splinter Cell, Far Cry e Ghost Recon Advanced Warfighter.

La storia anzitutto: siamo 25 anni nel futuro e - incredibile a dirsi - le nazioni di tutto il mondo hanno delegato i compiti di tutela dell'ordine pubblico a una multinazionale chiamata Mantel, che bomba i propri soldati come neanche gli allevatori delinquenti i loro vitelli.

Risultato: Mantel governa tutto il mondo conosciuto con pugno di ferro e i suoi uomini sono letteralmente delle macchine da guerra super-umane.

Shane Carpenter (nome che vuol probabilmente costituire un omaggio al grande regista di fantascienza John) era per l'appunto uno di questi soldati. Era, perché dopo aver affrontato una missione in Sudamerica (missione che sarà oggetto dei primi livelli del gioco), cambia bandiera e passa dalla parte dei ribelli del gruppo "Promise Hand".

Il cambio narrativo è anche un punto di svolta dal punto di vista del gameplay, perché Shane, tradendo, perde due importantissimi vantaggi: la droga Nectar, che viene usata da Mantel per aumentare le doti fisiche dei propri sgherri, e l'armamentario iper-tecnologico con cui sono equipaggiati i super-soldati.

Tuttavia vantaggio che perdi, vantaggio che trovi: come ribelle Shane può sfruttare altri punti deboli dei suoi avversari.

Il primo e più significativo è il fatto che, forse per mantenere una sorta di "igiene mentale" del proprio personale, la Mantel ha fatto sì che i propri soldati, una volta neutralizzato un bersaglio, lo perdano completamente dal proprio campo visivo.

Il che vuol dire che un ribelle che si sia beccato un paio di colpi (non letali, ovviamente) da un soldato Mantel, può recitare la parte del morto e diventare invisibile. Dopo di che, naturalmente può sparare alle spalle dei propri bersagli.

Il secondo vantaggio dei ribelli è dato dalla possibilità di sfruttare la dipendenza dal Nectar dei soldati Mantel.

Nelle tute di questi ultimi c'è infatti un alimentatore che continua a rifornire il loro cervello di Nectar: colpitelo (non è semplice, ma ci si può riuscire) e loro impazziranno attaccando indistintamente qualunque bersaglio nelle loro vicinanze, compagni inclusi.

I ribelli sono tra l'altro riusciti a realizzare delle bombe Nectar, con la droga sotratta ai corpi dei nemici vinti, che ottengono lo stesso risultato, ma possono influenzare più soldati contemporaneamente.

Insomma: una versione di guardie e ladri molto sofisticata.

Dal punto di vista grafico il gioco fa faville già adesso, che non è ancora finito, per cui immaginarsi quando sarà finalmente sugli scaffali…

Ma con un gameplay così fortemente differenziato (come già quello dell'ultimo Splinter Cell), è inevitabile che il pezzo forte sia destinato a essere il multiplayer. Per il momento gli sviluppatori hanno dichiarato che ci saranno diverse modalità a squadre e che sarà possibile organizzare sessioni di gioco con un massimo di 24 giocatori.

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!