Home  >  Sony Playstation 3  >  Diablo III  >  Anteprima
Condividi su Facebook

Diablo III

Sony Playstation 3 Titolo Originale: Diablo 3
Genere: Action RPG
Distributore: Blizzard/Activision
Anno: 2008
Prezzo: € 59,99

  • Piattaforme Sony Playstation 3 - Diablo III PC Windows - Diablo III 
  • Data di uscita 30/08/2013
  • Prezzo € 59,99
  • LinguaCompletamente in italiano
  • Anno 2008
  • Supporto On-LineSi
  • MultiplayerSi
  • Distributore Blizzard/Activision
  • Produttore Blizzard/Activision
  • Valutazione PEGI adatto a 16+
Share |
I nostri voti:
Giocabilità giocabilità Diablo III Sony Playstation 3 90
Durata durata Diablo III Sony Playstation 3 87
Audio Diablo III Sony Playstation 3 95
Video video Diablo III Sony Playstation 3 97
Confezione Diablo III Sony Playstation 3 90
TOTALE: OTTIMO  92

13/09/2013

E così l'attesa è finita. Diablo III non è più un rimpianto, o un desiderio irrealizzabile, ma una concreta realtà, anche se per ora non è ancora dato sapere quando uscirà (con ogni probabilità dopo l'E3 avremo qualche certezza in più, in merito).

Quindi la fuoriuscita di Bill Roper (uno dei papà di Diablo) da Blizzard non ha avuto gli effetti paventati, anzi a rimetterci sembra essere stato proprio il vecchio Bill, visto che il suo Hellgate London non è che abbia avuto poi questo grande successo.

Ma bando alle divagazioni e vediamo di mettere insieme le informazioni certe che sono state comunicate ufficialmente, o che sono filtrate ufficiosamente finora.

Anzitutto le classi: saranno in tutto cinque e, per il momento sappiamo che ci sarà il barbaro e il witch doctor, una sorta di mix tra necromante e druido, ispirato al folklore dell'Africa nera. Le altre rimangono per il momento avvolte nel mistero, anche se potete tranquillamente scommettere su una classe magica (mago/incantatrice) e su di una basata sulle armi da tiro (amazzone/ranger). Quella rimanente, a mio avviso, o sarà del tutto inedita, oppure verrà occupata dal paladino.

Rispetto al passato ora si può decidere anche il sesso del proprio personaggio e l'aspetto, chiaramente, si adeguerà alla scelta.

Una delle novità più grosse è data dal motore 3D. La perdita della visuale finto-isometrica dei capitoli precedenti, però, NON va a discapito della bellezza degli artwork. Tanto per intenderci: non aspettatevi personaggi squadrati e texture piatte come accadeva nel pur pregevole Dungeon Siege, la qualità dell'esperienza visuale sarà del tutto sbalorditiva e - aggiungo dopo aver visto i filmati ufficiali distribuiti da Blizzard - alcune parti dello scenario rimangono pre-renderizzate.

3D vuol dire però anche "distruttibile", ed ecco che per esempio il barbaro può far crollare le mura di un dungeon per sbarazzarsi con un unico colpo di un'orda di zombi. A calcolare gli effetti di collisioni e distruzioni niente meno che il motore fisico Havok, lo stesso usato su Half-Life.

Dungeon e persino quest (entro certi limiti) sono generati casualmente come e più che in passato, ma, già che parliamo del mondo di gioco, sappiate che la varietà che aveva stregato milioni di giocatori in passato è stata assolutamente preservata: si passa dalle ambientazioni cittadine e campestri di Nuova Tristram, che in certi momenti sconfinano nel lugubre e cimiteriale, ai paesaggi desertici e ai palazzi da mille e una notte di Caldeum, con annessi dungeon sotterranei, in un caso e nell'altro. Le architetture sembrano provenire da un incubo di Maurits Cornelis Escher e a volte si rischia di perdersi a osservarle con esiti fatali.

Già, perché mentre si esplorano le ambientazioni, i mostri fioccano come neve in una tormenta e ora sono molto più intelligenti di prima: quelli piccoli attaccano in branco, cercando di sopraffarvi con il numero, quelli grossi cercano di travolgervi con la loro forza fisica e a volte si creano sinergie perfide, come nel caso degli scheletri arcieri, che si nascondono dietro ai loro simili con scudo, costringendovi a sopportare una salva di fuoco incredibile, mentre tentate disperatamente di liberarvi dei mostri più vicini, protetti dai loro usberghi.

Già questo vi fa capire come il mondo di gioco, godibilissimo anche in single-player, sia però stato concepito per essere gustato al meglio in multiplayer, possibilmente cooperativo.

A livello gameplay abbiamo già alcune certezze, basate tanto sui comunicati Blizzard, quanto su di un'osservazione attenta dei filmati di gioco: le pozioni avranno meno importanza di prima, visto che i mostri uccisi rilasceranno globi di energia di vario tipo, tra l'altro quando si gioca in gruppo, basterà che uno solo dei membri raccolga un globo, per rigenerare anche i compagni. Dall'altro state certi che rune, gemme, oggetti rari e set di oggetti continueranno a esserci. Che altro dire? Speriamo arrivi presto!

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!