Home  >  Sony Playstation 2  >  Devil May Cry 3: Dante's Awakening  >  Recensione
Condividi su Facebook

Devil May Cry 3: Dante's Awakening

Sony Playstation 2 Genere: Action Adventure
Distributore: Electronic Arts
Anno: 2005
Prezzo: € 63,99

  • Piattaforme Sony Playstation 2 - Devil May Cry 3 Dante s Awakening 
  • Data di uscita n.d.
  • Prezzo € 63,99
  • LinguaSottotitoli in italiano
  • Anno 2005
  • Supporto On-Linen.d.
  • Multiplayern.d.
  • Distributore Electronic Arts
  • Produttore Capcom
  • Valutazione PEGI adatto a 14+
Share |
I nostri voti:
Giocabilità giocabilità Devil May Cry 3 Dante s Awakening Sony Playstation 2 89
Durata durata Devil May Cry 3 Dante s Awakening Sony Playstation 2 92
Audio Devil May Cry 3 Dante s Awakening Sony Playstation 2 89
Video video Devil May Cry 3 Dante s Awakening Sony Playstation 2 94
Confezione Devil May Cry 3 Dante s Awakening Sony Playstation 2 90
TOTALE: OTTIMO  91


di Camillo Morganti - 05/04/2005

Dante era appena uscito molto male dal suo ultimo confronto con il fratello Virgilio, ma si era deciso a lasciarsi il passato alle spalle, peccato che Virgilio (che fantasia questi sviluppatori giapponesi!) non sia intenzionato a lasciar perdere lui. Detto fatto, la neonata agenzia investigativa Sparda jr., ancora priva di un nome ben preciso, viene mandata in frantumi, la torre di Babele spunta davanti alle sue macerie e un nugolo di demoni cerca di fare la festa al nostro eroe. Cosa succederà? Al giocatore il compito di scoprirlo. A livello grafico, il titolo fa un netto salto di qualità rispetto all'episodio precedente e i fondali, pur non essendo ancora in 3d reale, sono molto più dettagliati; anche la gestione delle inquadrature - croce del secondo episodio - è stata migliorata (ogni tanto c'è la possibilità di regolare leggermente la visuale con il joystick destro). Il comparto audio passa al Dolby Pro Logic II, garantendo così un'ottima resa, studiata per rendere l'azione ancora più immersiva, se, naturalmente, si dispone di un buon impianto acustico. Per il resto, il gameplay cui i fan si sono ormai abituati, è stato mantenuto con alcuni miglioramenti: molte più armi disponibili (tra cui anche delle eccentriche chitarre truccate), possibilità di elaborare tecniche di combattimento "combo", grazie all'utilizzo di diversi stili di combattimento; questi ultimi rappresentano in effetti una delle novità maggiori di questo episodio, paragonabile, se vogliamo, al cambio avvenuto nella serie "Mortal Kombat" a partire da "Deadly Alliance" in poi. In pratica Dante può combattere i suoi nemici in 4 differenti assetti: trickster (stile basato sulle schivate e i trucchetti sporchi), swordmaster (stile potente, completamente offensivo, per gli amanti del gener Soul Calibur), gunslinger (uno dei migliori, basato sulle armi da fuoco) e royalguard (stile difensivo, l'unico che garantisca la possibilità di difendersi dal nemico e perciò anche uno di quelli da preferire all'inizio del gioco). La scelta della tipologia di stile deve avvenire necessariamente all'inizio di ogni quadro, e, come è facilmente intuibile, influisce parecchio sugli esiti degli scontri, aggiungendo così un elemento strategico, assente nei precedenti capitoli. Gli stili offensivi vengono premiati da un numero di bonus maggiori, ma gli stili difensivi (gunslinger royalguard) sono da preferirsi, perché, come dice il proverbio "chi va piano, va sano e va lontano". Al termine di ogni quadro si riceve una valutazione (con voto all'americana) su stile e operato e in base a quella, anche un premio. Sia detto a scanso di equivoci: DMC 3 è un gioco dannatamente difficile, anche al livello facile (che comunque non si sbloccherà prima che non siate morti almeno tre volte di fila!), aspetto ulteriormente complicato dall'antipatico sistema di salvataggio. È inutile dire quale stile sia il migliore, personalmente trovo comodo con RoyalGuard, ma quando lo scegliete, fate in modo di trovarvici bene, perché in caso contrario assisterete alla prematura dipartita del nostro eroe. Ovviamente, gran parte dell'abilità da acquisire sta nel trovare il tempismo e le combinazioni che attivano le mosse più devsatanti (alcune da acquistare ad appositi alatarini) e che danno accesso ai premi più interessanti (in termini di punti raccolti). Il sistema di danno prodotto da Dante incrementa con l'incrementare dei colpi andati a segno e della varietà, sullo stile dei picchiaduro, fino ad arrivare al momento in cui Dante potrà mandare all'altro mondo persino i nemici più tosti con un sol colpo. Il titolo risulta nel complesso avvincente e longevo (ci sono anche diversi livelli segreti), se si ha la pazienza di padroneggiare l'interfaccia adeguatamente ed è sicuramente uno dei giochi migliori mai usciti per PS2. Per i non anglofili da notare, comunque, che in italiano ci sono solo i sottotitoli.

Pro

Rivela nuovi particolari sulla vita e l'identità di Dante. 4 stili di combattimento, con relative possibilità di avanzamento e di sistemazione, anche a combattimento in corso. Grafica eccellente; discreta longevità.

Contro

Livello di difficoltà un po' da "iniziati"; sistema di salvataggio infame; inquadrature fisse (e fastidiose).

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!