Home  >  XBox  >  Burnout 3: Takedown  >  Anteprima
Condividi su Facebook

Burnout 3: Takedown

XBox Genere: Arcade Racing
Distributore: Electronic Arts Italia
Anno: 2004
Prezzo: € 62,9

  • Piattaforme XBox - Burnout 3 Takedown Sony Playstation 2 - Burnout 3 Takedown 
  • Data di uscita 10/09/2004
  • Prezzo € 62,9
  • LinguaCompletamente in italiano
  • Anno 2004
  • Supporto On-LineSi
  • MultiplayerSi
  • Distributore Electronic Arts Italia
  • Produttore Criterion Studios
  • Valutazione PEGI adatto a 17+
Share |

31/08/2004

Per lanciare Burnout 3, gli sviluppatori della Criterion Software sono passati dal producer Acclaim a Electronic Arts e la differenza si è notata subito: fin dalle prime fasi di sviluppo, infatti, si è fatto un gran parlare di questo gioco, per l'elevato contenuto di violenza. La cosa strana è che ci si sia accorti soltanto adesso, dopo quasi 4 anni di permanenza del titolo sul mercato (il primo capitolo uscì nella primavera del 2001), che il titolo incita alla guida spericolata, visto che, migliorie grafiche, aggiunta del multiplayer online e aumento del numero di modalità a parte, nel gameplay nulla è cambiato. Sì, è vero: Burnout è un gioco potenzialmente diseducativo; lo scopo, infatti, in tutte le modalità è quello di correre a rotta di collo, possibilmente contro mano, e causare il maggior numero di incidenti possibili. A differenza di altri titoli di guida, infatti, qui viene premiato lo stile più sporco e spericolato. Pensate sia un'istigazione a delinquere? Allora state alla larga. Personalmente, però, io vedo il gioco (anche in video) più come un momento di svago e di "esorcismo", che come uno strumento di condizionamento mentale. Del resto non tutti coloro che hanno giocato a guardie e ladri sono diventati o criminali (o poliziotti) e nessuno si sognerebbe di dire che regalare al proprio figlio una pistola giocattolo significa automaticamente garantirgli un futuro da terrorista. Forse allora è meglio giudicare Burnout sotto altri profili, per evitare di rimanere vittime della pubblicità: cosa distingue questo terzo capitolo dai precdenti? Anzitutto la grafica, che - già buona in passato - è diventata ora fantasmagorica, al punto da rivaleggiare con i mostri sacri del genere (WRC, Project Gotham, Need for Speed…); secondariamente il multiplayer online (inclusi i ranking mondiali dei giocatori, scaricabili sulla propria console); in terzo luogo l'abbondanza: adesso la quantità di competizioni disponibili, di circuiti, di eventi è tale da garantire il triplo delle ore di gioco delle versioni precedenti. Insomma: se vi piace il genere, non vi staccherete più dal televisore. Ecco i numeri, più nel dettaglio: 100 eventi attivabili, 40 circuiti, sparsi su 3 diversi continenti, 9 modalità single-player, multiplayer offline per un massimo di 16 giocatori, 9 modalità multiplayer online per un massimo di 6-8 giocatori (a seconda del tipo di partita), oltre 70 i veicoli disponibili. A livello di controllo della vettura, naturalmente, non dovete aspettarvi impostazioni troppo realistiche: il titolo rimane di tipo arcade; dove invece il realismo regna sovrano è nella fisica di gioco e nel sistema di danneggiamento delle vetture. Tra le nuove modalità, particolarmente divertente "Road Rage", specie online; in pratica i giocatori si dividono in due squadre: la prima deve guidare senza fermarsi per un certo numero di miglia (prefissato), mentre la seconda (la squadra "Rage", per l'appunto) deve fermarla a tutti i costi e con qualunque mezzo. Tra le innovazioni inserite a livello gameplay, invece, segnaliamo l'aftertouch, un meccanismo che consente di controllare l'auto nelle fasi di rallenty che seguono un incidente, in modo da causare il maggior danno possibile alle altre vetture (opzione particolarmente utile nelle modalità crash, dove si viene ricompensati per ogni automezzo distrutto).

screenshots

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!