Microsoft a giudizio per il "red ring of death"

di Camillo Morganti
Share |

Microsoft a giudizio per il red ring of death venerdì 17 ottobre 2008 12.10

Microsoft è stata citata in giudizio, di fronte alla Corte Suprema della città di Sacramento, per una violazione del codice di tutela dei consumatori vigente in California.

Il motivo della citazione è da ricercarsi nel numero, ritenuto eccessivo (circa il 50%), di console Xbox 360 guastatesi dopo l'acquisto, per il famigerato effetto del cosiddetto "

" ("red ring of death") - in pratica la console smette fi funzionare e il cerchio di led intorno al pulsante d'accensione, normalmente verde, diviene rosso e lampeggiante.

A detta di chi ha promosso l'azione legale (una class action), il difetto sarebbe già stato noto a Microsoft prima del lancio, ma una sua correzione avrebbe comportato ritardi nell'uscita della console, impedendo di battere sul tempo le rivali Nintendo Wii e Sony Playstation 3, quindi a Redmond avrebbero fatto finta di niente.

Tra le "prove", i promotori hanno allegato articoli di testate online quali: Yahoo!, dailygamesnews.com, VentureBeat e Digital Media.

Bisognerà ora vedere se i giudici la penseranno allo stesso modo e se, soprattutto, condanneranno Microsoft al maxi-risercimento degli utenti californiani.

Camillo Morganti

Commenti

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!