Recensioni

Video

sezioni

Zapster

L'ultimo inedito di Jackson? E di Paul Anka!

di Camillo Morganti
Share |

L ultimo inedito di Jackson E di Paul Anka mercoledì 14 ottobre 2009 11:46

Quando ancora era vivo, il compianto re del pop Michael Jackson incappò in una buccia di banana clamorosa, almeno agli occhi del pubblico italiano: il plagio di un brano di Albano Carrisi. Ci stiamo riferendo alle canzoni Will you be there e I cigni di Balaka e alla controvesia relativa ad essi sorta nel 1992, controversia che portò addirittura al sequestro di tutte le copie dell'album Dangerous e a una multa di 4 milioni di dollari per la pop star americana.

Tanto per intenderci: all'epoca i periti stabilirono che nei ritornelli delle due canzoni c'erano ben 37 note consecutive identiche, nella stessa sequenza e con lo stesso tempo.

Ad onor del vero, bisogna anche aggiungere che successivamente il la Corte d'Appello di Milano stabilì che in realtà Jackson aveva sì plagiato, ma non Albano: entrambi gli artisti avevano in realtà copiato alcuni pezzi blues risalenti al 1929 (e quindi non più coperti da diritto d'autore).

Meno nota nel Belpaese, ma in realtà ancor più clamorosa all'estero l'accusa di plagio per il brano You are not alone, che sarebbe stata copiata da un brano (If we can start all over) di una coppia di poco noti fratelli belgi. Il plagio in questione fu reso pubblico e accertato nel 2007.

Adesso, come i fan di tutto il mondo sanno, è uscito l'inedito post mortem di Jacko: This is it, operazione che ai fedelissimi del re del pop non è che sia piaciuta poi molto, visto che la traccia originale prevedeva solo voce e piano, mentre quella finale è un tripudio di sovrincisioni vocali dei fratelli Jackson, che ne approfittano per duettare con il compianto congiunto (beccandosi così titolo a dividere i proventi e guadagnare un po' di soldini, che, come sanno tutti, non bastano mai).

Ma c'è di peggio: il brano in realtà non è del solo Jackson, ma fu scritto insieme a Paul Anka (quello di Ogni Volta, Diana e Put Your Head On My Shoulder) e doveva originariamente far parte di un album di duetti, ma alla fine fu ceduto, a titolo gratuito, alla cantante Safire, che lo incise per Sony nel '90, ricavandone ben scarso successo (tant'è che oggi ben pochi si ricordano di lei).

Il fatto è che, vista la situazione (album e film postumi di Michael Jackson in uscita a breve proprio con il titolo This is it), Mr. Anka può a questo punto chiedere qualunque cifra e qualunque royalty per essere messo a tacere. Una causa potrebbe infatti nuocere gravemente a tutto il carrozzone marketing-mediatico che gli affranti congiunti del compianto re del pop stanno allegramente mettendo in moto.

Camillo Morganti

Commenti

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!