Il futuro di Metal Gear Solid secondo Kojima

di Camillo Morganti
Share |

Il futuro di Metal Gear Solid secondo Kojimamercoledì 14 ottobre 2009 16.23

Secondo Hideo Kojima il futuro dei videogiochi sarà sempre più distribuito, nel senso informatico del termine, ovverosia "costituito da applicazioni immagazzinate su un singolo server e distribuite a più utenti attraverso connsessioni remote".

Così per lo meno si è espresso il maestro nel corso di un'intervista a margine del Tokyo Game Show, rilasciata al magazine nipponico Famitsu, bibbia dei videogamer giapponesi.

Nell'intervista, Kojima si è dilungato con generosa dovizia di particolari sulla sua ultima produzione, Metal Gear Solid: Peace Walker, esclusiva della portatile Sony PSP.

Tra le novità il fatto che il gioco supporti Vocaloid2 di Yamaha e quindi preveda armi che parlano e cantano (con ugola femminile) mentre vomitano addoso a Solid Snake ogni genere di proiettili, e un particolare segreto che però, a detta di Kojima, sorprenderà la gente, al punto di farle venire la voglia di comprarsi a tutti i costi una PSP.

Kojima ha poi precisato che le sequenze di intermezzo in 2D questa volta saranno interattive, rivelando particolari interessanti agli utenti più curiosi e intraprendenti.

Da considerare infine che, a livello di script (cioè di eventi attivati dalle azioni dell'utente) Metal Gear Solid: Peace Walker non avrebbe nulla da invidiare a Metal Gear Solid 4: Guns of the Patriots per Playstation 3.

Motivi più che sufficienti per attendere con ansia l'uscita del titolo.

Camillo Morganti

Commenti

Gamez.it su Facebook
Trova il miglior prezzo con:
Trova il miglior prezzo con kelkoo!